Striscione contro don Biancalani. Anpi Pistoia e Anpi Toscana stanno dalla sua parte

Anpi Pistoia e Anpi Toscana sanno da che parte stare. Ed è quella di don Biancalani. Lo striscione di Forza Nuova contro il prete di Vicofaro è un attacco vile perché colpisce gli ultimi della società. E vediamo con tutta chiarezza la strumentalizzazione di un episodio come l’arresto per droga di una persona accolta a Vicofaro per il rilancio della campagna razzista.

vicofaro

Certo. Vanno fatti i distinguo. Se una persona viene trovata a spacciare droga, è giusto che sia fermata dalle forze dell’ordine. Ma, in un paese che tiene alla legalità, questo deve avvenire indipendentemente che la persona sia straniera o italiana. E specularci sopra è scorretto.

Dunque è evidente che Forza Nuova vuole soffiare sul fuoco della xenofobia. E’ evidente che vuole colpire l’anello più debole della società, i migranti in fuga da guerra e fame, soprattutto quando annuncia una manifestazione di protesta proprio il 21 aprile. Guardacaso proprio quando sarà in visita a Vicofaro l’ex presidente della Camera Laura Boldrini. E Forza Nuova vuole colpire figure come quella di don Biancalani, già oggetto di attacchi e offese di ogni genere, solo perché obbedisce alle leggi della solidarietà e dell’accoglienza.

L’Anpi non ci sta a questo gioco al massacro e si schiera dalla parte di don Biancalani e di tutte le persone fuori dalla società e senza una meta accolte a Vifocaro.

Tragedia di Livorno: ANPI TOSCANA chiede più sicurezza sui luoghi di lavoro

La morte dei due lavoratori al porto industriale di Livorno che stavano effettuando la manutenzione di una cisterna all’interno del Deposito Costiero Neri, ci lascia sgomenti. Non si può andare a lavorare la mattina con il rischio di non tornare a casa la sera. Siamo vicini alle famiglie di Nunzio Viola, 52 anni, e Lorenzo Mazzoni, di soli 25 anni. Aderiamo alla giornata di lutto nel giorno dei funerali e alla fiaccolata di stasera indetta da Cgil Cisl e Uil a Livorno.

porto di livornoMa ci sembra incredibile che dopo anni e anni di battaglie sindacali per avere tutte le garanzie di sicurezza sui luoghi di lavoro, siamo ancora qui a piangere due operai morti in una situazione che gli stessi inquirenti non sanno ancora spiegare. Ed è davvero inquietante sapere che il comitato sicurezza non sia mai stato convocato dall’autorità portuale.

Ci chiediamo allora quanti passi indietro siano stati fatti in questi anni sulla sicurezza dei lavoratori. Ci chiediamo quante garanzie sono venute meno con la scusa di questi lunghi anni di crisi economica che non sono certo finiti. E chiediamo più sicurezza. Chiediamo più garanzie per i lavoratori.

Perché l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro. Lo dice l’articolo 1 della Costituzione. E i partigiani hanno combattutto anche per questo. Ma non c’è mai lavoro senza sicurezza.

Siena: oggi 23 marzo il convegno nazionale “L’antifascismo, origine e forza delle istituzioni democratiche”

Oggi 23 marzo si tiene a Palazzo Pubblico di Siena, nella Sala delle Lupe, il convegno nazionale “L’antifascismo, origine e forza delle istituzioni democratiche”, organizzato da Anpi e Comune di Siena. E’ dedicato al ruolo degli Enti locali nella tutela dei principi e dei valori della Costituzione italiana. L’inizio del convegno è previsto per le ore 15.

siena anpiI lavori – coordinati da Vania Bagni di Anpi Toscana – si aprono con un intervento del consigliere regionale Simone Bezzini, che porta il saluto del presidente della Giunta regionale della Toscana Enrico Rossi. Le relazioni introduttive sono affidate al sindaco di Siena Bruno Valentini e all’avvocato Emilio Ricci, vice presidente nazionale Anpi. A seguire gli interventi di Alessandro Orlandini (direttore Isrsec), di Silvia Folchi (presidente Anpi di Siena) e dei sindaci e rappresentanti delle Regioni che hanno adottato delibere analoghe a quella del Comune di Siena. Tra gli altri: Arianna Viscogliosi, assessore al personale e alle pari opportunità del Comune di Genova; Giovanni Bettarini, assessore all’urbanistica del Comune di Firenze; Alberto Bellelli, sindaco di Carpi (Modena); e Mauro Alessandri, sindaco di Monterotondo (Roma).

Molti Comuni italiani stanno infatti adottando delibere con le quali si regola la concessione di spazi, aree o strutture pubbliche al fine di contrastare condotte riconducibili al fascismo, al nazismo, al razzismo e ad ogni forma di discriminazione. Da ricordare che la XII disposizione della Costituzione italiana vieta la ricostituzione del partito fascista ed è per questo che le amministrazioni pubbliche, di vari orientamenti politici, stanno fornendo un segnale forte al Paese anche per attuare le leggi Scelba e Mancino e la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Per rappresentare e diffondere il concreto impegno antifascista e antirazzista, l’Anpi nazionale e il Comune di Siena, secondo capoluogo in Italia e primo Comune in Toscana ad adottare la delibera, organizzano questo convegno, invitando tutti i Sindaci e i rappresentanti delle Regioni impegnati su questo fronte e tutti coloro che intendono avviare un percorso. Le conclusioni della giornata sono affidate a Carla Nespolo, presidente nazionale Anpi.

Manifestazione per Idy Diene (oggi sabato 10 marzo): Anpi, Arci e Cgil Firenze aderiscono

“Aderiamo alla manifestazione indetta a Firenze dalle associazioni dei senegalesi in Toscana per oggi, sabato 10 marzo, in ricordo di Idy Diene”: così Anpi, Arci e Cgil di Firenze, che già avevano dato la propria adesione al presidio dello scorso martedì pomeriggio, proprio all’indomani dell’omicidio di Idy Diene, per mano di Roberto Pirrone, lunedì sul ponte Vespucci.
Condividiamo il dolore dell’intera comunità senegalese per l’assassinio di Idy. Invitiamo i cittadini e le cittadine di Firenze a riunirsi attorno al suo ricordo e alla sua famiglia – dicono Anpi, Arci e Cgil di Firenze -. Non possiamo, e nessuno deve farlo, permettere che il clima di odio e tensione che si respira in Italia oggi si continui ad alimentare. Anche per questo saremo in piazza domani, per questo cammineremo accanto alla comunità senegalese. Condividiamo l’invito delle associazioni senegalesi a marciare pacificamente. Sarà un corteo che vuol ricostruire un tessuto cittadino capace di farsi carico di queste tragedie, analizzarne la portata e fare il possibile perché non si ripetano”.
La manifestazione si svolgerà a Firenze con il raduno a partire dalle ore 14,30 in piazza Santa Maria Novella (partenza del corteo alle 15).

A Roma! Le dieci sezioni provinciali Anpi della Toscana alla manifestazione del 24 febbraio

“Mai più fascismi – Mai più razzismi”

Manifestazione nazionale a Roma sabato 24 febbraio.
Promossa dalle 23 organizzazioni promotrici dell’appello “Mai più fascismi”, la manifestazione comincerà con il concentramento in Piazza della Repubblica alle ore 13.30 per poi sfilare fino in Piazza del Popolo.

A presentare la manifestazione sul palco della piazza sarà l’attore Giulio Scarpati. Il programma è il seguente: lettere e racconti di partigiane e partigiani letti da studentesse e studenti, testimonianza di un giovane migrante, esibizione dei Modena City Ramblers, messaggio video della Senatrice a vita Liliana Segre. Concluderà la Presidente nazionale ANPI, Carla Nespolo.

Sabato prossimo è l’Italia democratica, solidale, responsabile e civile che deve alzare la testa contro ogni deriva razzista e fascista.

Dalla Toscana partono vari pullman in collaborazione con la CGIL. Ci saranno anche le dieci sezioni provinciali di ANPI. Ma chiediamo a tutti i cittadini e le cittadine toscane di partecipare. Qui di seguito alcune indicazioni utili per partecipare alla manifestazione. Il contributo per il viaggio è volontario.

PROVINCIA DI PISA

Camera del Lavoro, Ufficio Segreteria, viale Bonaini 71 2° piano (Pisa), tel. 050515215

Anpi provinciale Pisa, via San Zeno 3, mail: provincialepisa@anpi.it, tel. 050553168, 3475109188, referente: Bruno Possenti

PROVINCIA DI LIVORNO

Anpi provinciale Livorno, via Terreni 2, mail: anpiprovincialelivorno@gmail.com, tel. 0586813898, 3458023103, referente: Massimo Nenci

PROVINCIA DI GROSSETO

Anpi provinciale Grosseto, presso Palazzo della Provincia, piazza Dante 35, mail: anpi.grosseto@live.it, tel. 3459739562

la tappe del pullman:

Follonica, davanti alla sede della Cgil (ore 9,30)

Grosseto via Canada, parcheggio antistante cinema Space (ore 10)

Albinia (ore 10,30)

PROVINCIA DI MASSA CARRARA

Anpi Provinciale Carrara, viale Potrignano 13 Carrara, mail: anpicarrara@gmail.com, tel. 0585776353, 3290854046, referente: Nando Sanguinetti

PROVINCIA DI SIENA

Cgil Siena, La Lizza 11, tel. 0577 254811

Anpi Provinciale Siena, viale Maccari 3, mail: info@anpisiena.it, tel. 0577283008, 3356163262, referente: Silvia Folchi

le tappe dei pullman condivisi con Cgil e Arci:

Poggibonsi, loc. Saliceto (ore 8,30)
Siena, impianti sportivi Acqua Calda (ore 9)
Casello autostradale Bettole (ore 9,30)
Casello autostradale Querce al Pino (ore 9,45)

PROVINCIA DI AREZZO

Anpi provinciale Arezzo, Piazza del Praticino 7, mail: arezzo@anpi.it, 057522835, 3280150467 referente: Laura

PROVINCIA DI FIRENZE

Per i pullman in partenza da Firenze (Ponte a Greve-Obihall-Mercato ortofrutticolo di Novoli) e Scandicci: tel. 0552700549

da Sesto Fiorentino (parcheggio Metro): tel. 055447241

da Borgo San Lorenzo: tel. 055840261

da Empolese Valdelsa:

Castelfiorentino, parcheggio stadio (ore 9) – tel. 057164053/61620

Fucecchio, piazza XX Settembre (ore 9) – tel. 057120187

Certaldo, zona mensa (ore 9,15) – tel. 0571668060, 665378

Empoli, parcheggio Centro Coop (ore 9,30) – tel. 0571942120

da Valdarno – tel. 055915251

PROVINCIA DI PISTOIA

Anpi provinciale Pistoia, viale Petrocchi 159, mail: pistoia.anpi@outlook.it, 057332578, 3409431870, referenti: Aldo Bartoli e Rosalba Bonacchi

Link all’appello “Mai più fascismi”: http://www.anpi.it/articoli/1908/mai-piu-fascismi

ANPI Castelfiorentino e ANPI Toscana: condanniamo lo sfregio nazista alla lapide di Aladino Bartaloni

Ci risiamo. Ancora una volta il segno distruttivo e lo sfregio nazifascista.

Come ANPI non possiamo non rimarcare ancora una volta come atti di questo tipo non siano soltanto un attacco alla memoria di un civile, Aladino Bartaloni, morto impiccato a vent’anni, ma anche un chiaro messaggio i cui destinatari sono le cittadine e i cittadini democratici.
 
Chiediamo nuovamente di tenere alta l’attenzione alla magistratura in un territorio, quello empolese, gravemente colpito dalle minacce nazi-fasciste. Ricordiamo i due fatti successi nell’Empolese Valdelsa in poco meno di un anno: l’altra svastica a Empoli all’ex Vetreria Taddei e la lettera minatoria al sindaco empolese Brenda Barnini.
 
L’ANPI, ad ogni livello, è presente nel contrasto alle organizzazioni nostalgiche di quell’epoca feroce. Alle istituzioni chiediamo altrettanto impegno.
 
 

Lettera al mio maestro Antonio Berni. Domenica 11 febbraio a Pistoia

In occasione della giornata dedicata al ricordo “della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani, dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale” (L. 30 marzo 2004 N.92) l’ ANPI – Comitato Provinciale di Pistoia presenta:

“Lettera al mio maestro Antonio Bemi”

di Pier Claudio Devescovi

con la  presenza dell’autore

Domenica 11 Febbraio 2018,  ore 16:30

Museo Marino Marini

Corso Silvano Fedi, 72- Pistoia

Immaginando di scrivere una lettera al proprio maestro della scuola elementare,  il pistoiese Pier Claudio Devescovi,  nato al Lucca da genitori emigrati dall’Istria due anni prima della sua nascita,  ripercorre le tappe più importanti della sua crescita  in una società prima sconvolta dalla fine della guerra e successivamente alla ricerca di una nuova identità. Le pagine diventano una viva testimonianza dell’esodo dall’Istria, visto con gli occhi di un bambino, ma anche un omaggio alle sue radici e all’intreccio della cultura toscana con quella istriana che tuttora abitano i suoi ricordi.

Introduce e dialoga con l’Autore  Armando Sestani, Vicepresidente dell’Istituto Storico della Resistenza di Lucca e studioso del fenomeno migratorio dalmato-giuliano nel dopoguerra.

Lettura di passi a cura di Marco Leporatti. 

Sarà possibile iscriversi, o rinnovare la tessera all’ANPI e sottoscrivere l’ “Appello alle Istituzioni contro tutti i fascismi” allegato alla presente.

 

                        La Presidenza ANPI di Pistoia

Giornate del tesseramento Anpi 2018. Vieni a fare la tessera

Oggi e domani, 3 e 4 febbraio, si tengono anche in Toscana le Giornate del tesseramento ANPI per l’anno 2018. L’Associazione dei partigiani italiani invita tutti i cittadini e le cittadine, soprattutto delle giovani generazioni, ad incontrarci nelle piazze delle città toscane, per iscriversi o per rinnovare la tessera.
Oggi più che mai, infatti, c’è bisogno di far vedere da che parte sta la Toscana.
Oltre ad aderire all’ANPI sarà possibile firmare l’appello nazionale unitario “Mai più fascismi” con cui si chiede alle Istituzioni di vietare alle organizzazioni e ai partiti neofascisti e neonazisti di partecipare alle elezioni e di scioglierli. L’appello, sottoscritto da 23 tra Associazioni, Partiti, Sindacati, Movimenti sta “viaggiando” in tutta Italia con iniziative messe in campo dai promotori.
Fermiamo questa deriva. Ribadiamo tutti insieme che l’Italia è una Repubblica democratica che rifiuta il fascismo e la rinascita di movimenti e partiti che si rifanno al fascismo.

Provincia di Pisa
Pisa: sabato 3 febbraio – ore 16-19 – Borgo Stretto (davanti Chiesa San Michele in Borgo); domenica 4 febbraio – ore 10-19 – Largo Ciro Menotti
Pontedera: sabato 3 febbraio – ore 15-18,30 – Circolo Arci Il Romito, Via Ulisse Dini – Loc. Il Romito
Bientina: domenica 4 febbraio – ore 9-13 – Piazza Vittorio Emanuele II

Provincia di Prato
Cantagallo: 4 febbraio – dalle ore 15 – Circolo ARCI Carmignanello.
Mercatale: 4 febbraio – Sezione ANPI Vernio – banchetto c/o Circolo ARCI di Mercatale.
Vernio: 4 febbraio, dalle ore 15, Circolo ARCI di Mercatale.

Provincia di Firenze
Empoli: sabato 3 febbraio – dalle ore 16 – Largo 8 marzo ’44.
Firenze: Sezione ANPI Oltrarno: sabato 3 febbraio – dalle ore 10 – Sala delle Leopoldine, Piazza Torquato Tasso 8

Provincia di Siena
Siena: sabato 3 febbraio – ore 15,30-20 – Sede ANPI, Viale C. Maccari 3

Provincia di Arezzo
Arezzo: sabato 3 febbraio – ore 15 – Circolo Culturale “Aurora”, Piazza S. Agostino. Domenica 4 febbraio – ore 10-12 – Sede ANPI provinciale / ore 20 – “Pizzata dell’ANPI” presso “Circolo de’ Ghibellini”

Ecco il link: http//www.anpi.it/eventi/contesto/giornata-del-tesseramento

Forza Nuova denuncia il Sindaco di Pontedera

L’ANPI regionale Toscana esprime piena solidarietà e sostegno al Sindaco di Pontedera (PI), Simone Millozzi. 

La Costituzione della Repubblica ripudia il fascismo, quindi la propaganda di idee razziste, antisemite e omofobe. È quello che il Comune di Pontedera, come avviene in tanti altri Comuni d’Italia, chiede di sottoscrivere a chiunque voglia esprimersi negli spazi pubblici.

L’annunciata denuncia di Forza Nuova è da considerarsi dunque fuori dal contesto civile e democratico.

[la notizia dal web]